Donne in carriera
con figli: è davvero possibile?

Blog.
Donne in carriera con figli: è davvero possibile?

16Mar, 2021

È possibile essere donne in carriera dopo aver avuto dei figli? Ecco alcune testimonianze di mamme in carriera che ce l’hanno fatta.

Sapevi che i lavoratori in possesso di un equilibrio ottimale tra lavoro e vita privata lavorano il 21% in più della media?

Questa scoperta – rivelata da Fortune – si è basata su una ricerca effettuata su un campione rappresentativo dell’80% delle società “Fortune 500”.

Il risultato, dopotutto, non sarà probabilmente una sorpresa per le legioni di donne in carriera che lavorano in modo brillante e produttivo dopo aver avuto figli.

La chiave per raggiungere questo equilibrio è la flessibilità del posto di lavoro, un vantaggio sia per i lavoratori che per i datori di lavoro.

Madre di quattro figli e redattore capo di un giornale del Regno Unito, Elle Lorraine Candy afferma che se datori di lavoro apportassero agevolazioni e miglioramenti alla condizione della donna al lavoro scoprirebbero quanto questi sarebbero “inestimabili per l’azienda”.

“La felicità quotidiana dipende da un necessario equilibrio tra famiglia e vita professionale – e la mia famiglia è la cosa di maggior successo che abbia mai ottenuto”, ha affermato Lorraine su un forum di donne in carriera.

Una ricerca dell’Australian Institute of Family Studies (AIFS) rivela che la pianificazione durante la gravidanza per un ritorno al lavoro può fare la differenza per convincere le donne a non abbandonare la carriera.

Helen Barrow concorda: “l’HSBC mi ha aiutato a negoziare il mio ritorno al lavoro durante la mia seconda gravidanza e questo è stato molto importante. Era molto diverso dalla società precedente, dove lavoravo con un team più piccolo, in cui temevo di dire che ero incinta”.

Ora, avere un reddito e un lavoro appagante l’aiuta a essere un’impiegata e un genitore migliore. “Hai bisogno di due redditi per vivere a Sydney di questi tempi”, dice. “E a volte andare in ufficio è la parte più facile della giornata.”

La nota cantante Lily Allen, che di recente è tornata sul palco dopo quattro anni di assenza, è d’accordo: “Ho avuto due figli e, per quanto mi piaccia, non sarò mai il tipo di persona che si siede a casa tutta la giornata per giocare con i giocattoli di plastica”.
Altre mamme famose, tra cui Reese Witherspoon, hanno affermato che la loro carriera è migliorata dopo aver avuto figli.

Alcuni suggerimenti per le donne in carriera con figli

Ecco alcuni suggerimenti per facilitare il ritorno al lavoro dopo la gravidanza.

1. Mantieni aggiornate le tue abilità

Durante il congedo parentale, molti sperimentano una mancanza di fiducia in sé stessi e nella propria carriera. Rimani attiva nel tuo campo, anche se non lavori. E tieniti aggiornata sugli sviluppi e le conoscenze tecniche in modo da non farti prendere alla sprovvista.

2. Chiedi flessibilità

Non preoccuparti di chiedere un lavoro flessibile, è una pratica perfettamente accettabile e sempre più diffusa: recenti ricerche indicano che due terzi degli uomini considerano il lavoro flessibile un fattore importante quando cercano un nuovo lavoro. E un numero crescente di datori di lavoro sta cambiando il proprio approccio nella ricerca di nuovi talenti, concentrandosi più sulla produzione che sul tempo.

3. Diminuisci il divario

C’è una lacuna di carriera nel tuo CV? Perché non ignorarlo e, invece di scrivere un CV cronologico, crearne uno basato sulle competenze, sottolineando la tua esperienza e qualità?

4. Acquisisci familiarità con la tua nuova routine

Ci vorrà del tempo per imparare a bilanciare i tuoi ruoli. Il modo migliore per assicurarti che il tuo nuovo programma funzioni è fare un paio di prove la settimana prima del tuo ritorno in ufficio. E, se possibile, fai in modo che l’assistenza all’infanzia inizi circa una settimana prima in modo da poter provare la routine e abituarti a separarti dai bambini.

5. Non eccedere con la pulizia

Una delle più grandi lamentele dei genitori che lavorano è l’esaurimento. E quando sei stanca è facile sentirti sopraffatta. Le tue esigenze di sonno dovrebbero avere la priorità rispetto a fare un altro carico di bucato o pulire la cucina.

6. Non sentirti in colpa

Sappi che non ci sono prove scientifiche che provano che i bambini subiscono danni quando i loro genitori lavorano fuori casa. L’American Academy of Pediatrics riferisce che un bambino che è emotivamente ben adattato, ben amato e curato prospererà indipendentemente dal fatto che la madre (o il padre) lavori fuori casa.

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Contattami

Parlami di te